MANOVRA AL RIBASSO PER IL TARIFFARIO ANICA 2019: ECCO TUTTE LE NOVITA'

Guida Allevamenti

MANOVRA AL RIBASSO PER IL TARIFFARIO ANICA 2019: ECCO TUTTE LE NOVITA'

Pubblicato venerdì, 04 gennaio, 2019

 

Con l'ultima riunione dell'anno 2018, il Consiglio Direttivo dell’ANICA ha apportato alcune modifiche al Tariffario 2019 che conducono ad un consistente alleggerimento economico per i soci allevatori e ha rivisto alcune procedure, che nel passato hanno determinato qualche incomprensione tra gli allevatori nell’utilizzo della modellistica. 
Le modifiche più importanti riguardano le tariffe dei soci che sono state ritoccate al ribasso, mentre restano invariate quelle per i non soci ANICA.


L'intervento in ribasso sulle tariffe sono un chiaro segnale di crescita dell’allevamento italiano che testimonia che tale settore dell’ippica e dell’equitazione riesce ad andare in controtendenza rispetto ai negativi trend degli altri settori, controtendenza che dimostra una forte spinta allevatoriale ed una rinnovata fiducia nel futuro.

 

Il Consiglio Direttivo ANICA ha ritenuto che fosse giunto il tempo, vista anche la buona congiuntura del Bilancio 2018 e le buone prospettive per il 2019 di favorire lo sforzo dei soci sostenendolo con una serie di ritocchi in ribasso di diverse tariffe.

Vediamo in dettaglio cosa è cambiato:


REGISTRAZIONE del puledro nato da stallone operante in Italia passa da 100 euro a 80 euro.

REGISTRAZIONE del puledro nato da stallone estero, passa da 150,00 euro a 120,00 euro.

RINNOVO Iscrizione al repertorio stalloni, passa da 60 euro a 40 euro.

DUPLICATO dell’atto di proprietà, se lo smarrimento e quindi la richiesta di un duplicato arrivano contestualmente alla richiesta di registrazione vendita di quel soggetto, non vi è alcun costo da sostenere.

- PASSAGGIO di proprietà e registrazione Affitto (modello 5 e modello 3) – passano da 55 euro a 45 euro

 

Il Consiglio Direttivo ha inoltre sentito l’esigenza di fare chiarimento sulla definizione del Titolo di Allevatore distinguendolo più chiaramente da cosa deve intendersi per cessione dei Diritti Allevatoriali.


Il Consiglio in questi anni ha difatti dovuto affrontare diverse incomprensioni, visto che per alcuni soci non era chiara la distinzione tra le due fattispecie.


Si è scelto, prima di tutto, di abrogare il modello 4 che ha generato sempre molta confusione; il Direttivo ha stabilito in via definitiva che l’Associazione deve rimanere legata saldamente ai principi originari che la stessa WAHO ha, fin dalla sua fondazione divulgato e che comunque tuttora considera validi e cioè che per tutta la vita di un cavallo sarà considerato allevatore, e come tale rimarrà sempre indicato sul passaporto del cavallo, colui che è il proprietario (o colui che ne è in possesso in regime di affitto) della fattrice alla data dell’accoppiamento che ha generato la gravidanza.

Non sarà quindi più possibile cedere il Titolo di Allevatore nemmeno prima della nascita di un puledro.

La Cessione dei Diritti Allevatoriali riguarda invece solo gli aspetti legati alla possibilità di indicare come destinatario dei premi una persona diversa dall’Allevatore e/o Proprietario, sia a tempo indefinito che a tempo parziale, siano tali premi solo figurativi (coppe, statuine, coccarde etc) che espressamente monetari, come sono i premi per proprietario ed allevatore al traguardo nelle prove sportive e gli eventuali premi aggiunti monetari ANICA.

 

I casi che possono condurre ad una tale scelte sono diversi e comunque definiti e riguardano sia aspetti legati allo sport che di altra natura; il Direttivo ha inteso quindi rendere più chiaramente comprensibili i modelli specializzandoli per ognuno di tali casi, sicché sono stati istituiti i nuovi modelli 3A, 3B e 3C.

In una prossima nota esplicativa che vi verrà inviata a breve il Consiglio Direttivo chiarirà l’uso di tali modelli e spiegherà i vantaggi che recano in termini di chiarezza di scelte e che risolvono tanti diverbi sorti anche tra allevatori per carenza di definizione delle rispettive volontà negli accordi preliminari concernenti molte transazioni.

 

A breve quindi, insieme alla nota appena detta, verrà inviato a tutti gli associati un file contenente sia il nuovo Tariffario 2019 con gli allegati nonché l’intero elenco dei modelli in uso da questo medesimo anno.

Tariffario e modelli saranno pubblicati la settimana prossima dunque sempre consultabili e scaricabili.

 Buon anno

Allegati

3 di 243

© 2013 ANICA - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy

Il sito ANICA utilizza i cookie per offrire una migliore esperienza di navigazione e per fini statistici anonimizzati.
Consulta l'informativa sulla privacy oppure continua la navigazione del sito cliccando sul bottone OK qui a fianco.